.

Tre mani nel buio
Ed. Fernandel, 2016, pp. 232, € 15.00

Tre storie "gialle" che si intrecciano intorno a crimini a volte sanguinosi e plateali, a volte subdoli e sottili, che hanno come scenario la provincia italiana: una apparentemente tranquilla città "a misura d'uomo", una campagna ricca e ordinata, una piccola località di riviera che nell'immaginario dei vacanzieri rappresenta una sorta di luna park, ma che può contenere, come ogni luna park che si rispetti, anche un inquietante tunnel degli orrori.

A fare da filo conduttore alle tre vicende, cioè ai tre romanzi brevi contenuti in questo libro, non c'è solo l'ambientazione di provincia (tanto cara e congeniale a Baldini), ma anche gli stessi investigatori (il commissario Righetti, l'ispettore Cardona e i loro collaboratori) e un tema narrativo delicato e di forte impatto, quello della malattia fisica o mentale.
Da questi tre romanzi brevi emerge la capacità di Baldini di creare suspense dalla prima all'ultima riga, senza rinunciare alla qualità della scrittura; la capacità dunque di sfruttare al meglio le suggestioni e le atmosfere dei contesti e dei paesaggi, con una penna originale, mai banale, rapida ma allo stesso tempo evocativa ed elegante.

.

 

.


.