Come il lupo
Einaudi Stile Libero Big, 2006, pagg. 240 - € 14,50

Una bambina epilettica e forse dotata di chiaroveggenza, un'antica leggenda di sangue, una comunità appartata tra i monti, guidata da una vecchia matriarca, dove si nasconde un terribile segreto.
E un uomo in crisi che deve scegliere fra due strade molto diverse, quella del dovere e quella del cuore. Si chiama Nazario, è un maresciallo della Forestale. Ha accettato di prestare servizio in una casermetta persa nel Casentino, là dove i suoi problemi sembrano remoti, là dove può vedere e ascoltare i lupi, animali che ama sopra tutti gli altri.
Sono gli anni Cinquanta, quelli delle manifestazioni operaie, di Scelba e dei caroselli delle camionette della Celere. L'Italia sta cambiando, e lui, ex partigiano ferito dalla vita, non è sicuro che sia in meglio; ma ora, tra quelle montagne silenziose, crede di essere lontano e al riparo da ogni turbamento.
Finché non arriva per caso in quella valle e non scopre, ai bordi di un vigneto, qualcosa che fa pensare e rabbrividire…

Questo libro si è aggiudicato il premio "Predazzo 2006".